Sanità digitale

 

ANAGRAFE REGIONALE UNICA DELLE STRUTTURE SANITARIE

Realizzare un unico database, accessibile tramite il portale istituzionale della Regione Lazio e relativo sia alle strutture pubbliche che a quelle private, contenente tutte le informazioni utili a gestire e a monitorare la rete regionale di offerta di servizi sanitari:

  • Anagrafica;
  • Posti letto;
  • Autorizzazione e accreditamento;
  • Apparecchiature;
  • Accordi contrattuali e budget;
  • Produzione;
  • Remunerazione.

In questo ambito, contribuire al progetto denominato Monitoraggio della Rete Assistenza (MRA), recentemente rilanciato dalla Cabina di Regia del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS) presso il Ministero della Salute

 

CARTELLA SANITARIA PER I DETENUTI

Estendere le funzionalità della cartella clinica informatizzata regionale (SISMED) per consentirne l’uso negli ambulatori dislocati nel circuito penitenziario. Integrazione con progetti di telemedicina.

 

REFERTI ON LINE

Estendere le funzionalità già esistenti per i referti degli esami di laboratorio alla diagnostica per immagini, prevedendo anche la possibilità di rendere disponibili ai professionisti autorizzati le relative immagini.

 

NUOVO ReCUP

Progettare e realizzare la nuova piattaforma tecnologica del Sistema regionale di prenotazione (ReCUP). Tra le novità, possibilità per i prescrittori (pubblici e convenzionati) di prenotare direttamente le visite e gli esami di controllo, organizzazione delle agende per classe di priorità, gestione dinamica degli ambiti di garanzia, trasparenza delle agende riservate alla libera professione, etc.

 

SISTEMA DI EMERGENZA-URGENZA

Evoluzione della componente P.S.-DEA del Sistema Informativo regionale dell’Emergenza Sanitaria e sua integrazione con il nuovo sistema del 118. Nell'ambito dell'intervento si ipotizza la realizzazione di un sistema unico e centralizzato per il monitoraggio dell’occupazione dei posti letto di tutte le strutture sanitarie regionali.

 

TELEMEDICINA NELLA RETE DELL’EMERGENZA

Creare reti di lettura a distanza delle immagini radiologiche e di teleconsulto fra i centri “hub” (presidi sanitari specializzati) e i centri “spoke” (strutture collegate), che consentano di erogare sul posto gli interventi di stabilizzazione su pazienti per i quali è necessario intervenire nell’ambito della “golden hour” (patologie tempo-dipendenti: ictus, cardiologia e trauma) e di ricorrere al trasposto del paziente solo nei casi effettivamente necessari.

 

TELEMEDICINA TERRITORIALE

Realizzazione di servizi di telemedicina destinati ai cittadini e fruibili dal domicilio o presso i servizi territoriali (e.g. case della salute), finalizzati a:

  •           consentire la fruibilità di cure, servizi di diagnosi e consulenze mediche a distanza;
  •           controllare da remoto i parametri vitali dei pazienti affetti da patologie croniche;
  •           fornire servizi telematici per evitare l’isolamento sociale degli anziani, in particolare dei malati cronici;
  •           mettere in campo azioni di prevenzione verso l'utenza classificata a rischio, così come definito nelle linee di indirizzo nazionali approvate dal Consiglio Superiore di Sanità e dall'intesa sottoscritta in sede di Conferenza Stato-Regioni.

 

SISTEMA INFORMATIVO DEI SERVIZI TRASFUSIONALI

Ammodernare il sistema informativo a supporto delle attività di donazione, tipizzazione, conservazione, trasporto ed uso del sangue, per consentire una tracciatura completa delle operazioni eseguite e, conseguentemente, un migliore adeguamento alla normativa nazionale in termini di sicurezza, appropriatezza, etc.

 

LABORATORIO LOGICO UNICO

Affiancare alla determinante azione di riorganizzazione della rete dei laboratori di analisi, pubblici e privati, presenti sul territorio regionale, iniziative ICT che si muovano nella direzione di supportare le attività di tutti i laboratori pubblici con un unico strumento informatico (LIS - Laboratory Information System) accessibile tramite il Sistema Pubblico di Connettività.

 

REGISTRO DEI REFERTI DEI SERVIZI DI ANATOMIA PATOLOGICA E REGISTRO TUMORI

In applicazione della Legge Regionale istitutiva, approvata il 20/05/2015, definire e realizzare gli strumenti ed i flussi informativi necessari alla realizzazione dei registri e gli strumenti informatici di supporto alle fasi di segnalazione e validazione dei casi, nonché a quelle di sintesi e diffusione delle informazioni raccolte.