Spazio Attivo: riforma degli incubatori in luoghi di accesso ai servizi regionali per l'impresa e il lavoro

Spazio Attivo costituirà una nuova rete regionale di hub dell'innovazione, a partire dalla riforma degli incubatori di BIC Lazio: grandi spazi di incontro, aperti ai territori e alla collaborazione con gli Enti Locali, in cui sarà possibile accedere a tutti i servizi per le imprese, lo startup, la formazione e il lavoro.

  • Destinatari

    L’intervento è destinato a cittadini, imprese ed Enti Locali in tutto il territorio della regione Lazio con particolare attenzione alle aree su cui insistono gli incubatori esistenti o in via di istituzione.

  • Obiettivi

    La Regione vuole ripensare i territori del Lazio come luoghi di vera e propria produzione di innovazione sociale, di sperimentazione di nuovi modelli produttivi e di razionalizzazione dell’offerta dei servizi istituzionali a favore della competitività dell’economia. L’obiettivo è realizzare una rete di innovazione sociale sul territorio del Lazio: Spazio Attivo.

    Spazio Attivo sarà un punto di raccordo tra la Regione Lazio, gli Enti Locali e il territorio, che fornirà informazioni e servizi delocalizzati a imprese, Amministrazioni Pubbliche, cittadini, startup innovative.

  • Descrizione

    Servizi ai cittadini:

    • Centri pubblici di accesso alle informazioni e ai servizi;
    • Piazze telematiche per la coesione sociale e lo sviluppo della conoscenza;
    • Spazi di coworking e Contamination Lab (punti di aggregazione giovanile: studenti, creativi, inventori, aspiranti imprenditori, free lance);
    • Laboratori: artigianato digitale (Fab Lab), Robotic Center, Coderdojo, ecc.;
    • Mostre, convegni, eventi culturali per i cittadini;
    • Showroom dell’innovazione;
    • Recupero e condivisione del bagaglio culturale/esperenziale degli over 50;
    • Formazione frontale, e-learning, webinar (inglese, alfabetizzazione informatica, contrattualistica del lavoro, autoimprenditorialità, ecc.);
    • Servizi per l’impiego.

    Servizi alle Imprese del territorio:

    • Accoglienza e servizi informativi e formativi;
    • Orientamento e informazione sui bandi e sui regimi d’aiuto;
    • Supporto alla progettualità delle imprese (formulazione delle domande di partecipazione e delle proposte progettuali, monitoring dell’iter della domanda, sviluppo progettuale e rendicontazione);
    • Consulenza legale, amministrativa e marketing;
    • “Sprint” per internazionalizzazione;
    • Sportello Europe Direct;
    • Sportello Europe Enterprise Network;
    • Spazi di coworking e Contamination Lab;
    • Formazione frontale, e-learning, webinar;
    • Accesso a reti di laboratori attraverso partnership con organismi di ricerca e Università;
    • Servizi per l’incontro domanda/offerta di lavoro;
    • Eventuale insediamento e integrazione dello sportello SUAP all’interno dei luoghi Spazio Attivo;
    • Networking sistematico delle professionalità e delle opportunità di accelerazione.

    Servizi alle startup innovative (imprese incubate):

    Servizi Base:

    • Spazi e facilities;
    • Attività di tutoring e mentorship (identificazione del cliente target, analisi del rischio, analisi delle capacità imprenditoriali, modello di Business Plan, creazione del modello di business, supporto nella stesura del Business Plan, pianificazione finanziaria, valutazione dei bisogni formativi, ecc.).

    Servizi per gestione dei rapporti con l’esterno:

    • Attività di networking con le istituzioni di ricerca;
    • Attività di networking con clienti e fornitori;
    • Attività di networking con società di consulenza.

    Servizi per l’accesso a fonti di finanziamento:

    • Accesso alle fonti di finanziamento equity;
    • Accesso alle fonti di finanziamento di debito.

    Servizi finanziari e all’exit:

    • Fondo di finanziamento calibrato per ciascuna fase del ciclo di vita del percorso (seed financing o cash incentive a supporto dello studio di fattibilità e dello sviluppo prodotto, fondo equity per accelerazione o exit sul mercato);
    • Creazione di un fondo di grant per le startup POR FESR 2014-2020;
    • Nuovi modelli di way-out (adozione della startup o acquisizione di talenti da parte di un’impresa, ecc.).

    Ulteriori servizi a valore aggiunto:

    • Recruitment di figure chiave per le imprese;
    • Assistenza marketing;
    • Servizi amministrativi a favore delle imprese;
    • Servizi a supporto della gestione della proprietà intellettuale;
    • Servizi amministrativi e legali;
    • Servizi a supporto della gestione dell’innovazione;
    • Servizi per l’internazionalizzazione;
    • Servizi per promuovere la commercializzazione;
    • Servizi per lo sviluppo delle risorse umane;
    • Servizi per un uso avanzato di ICT (sviluppo di PMI);
    • Servizi a supporto nella creazione di PMI high-tech;
    • Supporto per l’identificazione e la partecipazione a bandi nazionali/regionali;
    • Supporto alla partecipazione a Programmi europei.

    Servizi di animazione:

    • Organizzazione eventi (workshop tematici, convegni, investor day, ecc.).

    Servizi agli Enti Locali:

    • Ricerca e diffusione di informazioni sulle Calls for tender dei Programmi europei e bandi internazionali
    • Informazioni su opportunità provenienti da organismi finanziari multilaterali;
    • Ricerca/Offerta partnership;
    • Consulenza e assistenza tecnica (on call) agli utenti in tutte le fasi dell’ideazione/preparazione di progetto;
    • Assistenza all’attuazione e alla rendicontazione dei progetti finanziati;
    • Creazione e gestione di reti locali e internazionali;
    • Supporto ai partenariati: affiancamento nella definizione e nel governo del partenariato;
    • Selezione e diffusione di buone pratiche;
    • Supporto nella definizione e nello sviluppo di bandi di gara e avvisi pubblici;
    • Organizzazione di eventi (webinar, openday, roadshow) in tutto il territorio laziale;
    • Azioni a favore dell’insediamento e l’integrazione dello sportello SUAP e degli altri servizi per cittadini e imprese all’interno dei luoghi Spazio Attivo;
    • Organizzazione di seminari di informazione e corsi di approfondimento sulle opportunità comunitarie, nazionali, regionali, in particolare su:
      • opportunità offerte dall`UE e dai diversi organismi internazionali;
      • come posizionarsi in ambito europeo e internazionale;
      • partecipazione a reti europee e internazionali;
      • progettazione europea e internazionale;
      • gestione e rendicontazione dei progetti finanziati;
      • opportunità e finanziamenti europei e internazionali per aree tematiche.

    Servizi di empowerment alle persone:

    • Servizi di accoglienza e di orientamento professionale: analisi dei fabbisogni e orientamento, valutazione attitudini e competenze, guida alla costruzione di un CV efficace, inserimento CV nel sistema informatico, uso del sistema per visionare offerte di lavoro attive;
    • Servizi di empowerment: seminari (CV assistito, video CV e formato europeo, affrontare un colloquio di selezione, inglese, informatica di base, contrattualistica del lavoro);
    • Stage, tirocini, apprendistato professionalizzante;
    • Servizi per la mobilità territoriale: Programma Your First Eures Job;
    • Servizi di base per l’autoimprenditorialità e indirizzamento verso le strutture regionali di riferimento (incubatori);
    • Segnalazione di eventi, concorsi, borse di studio, grant regionali, nazionali e comunitari.

    Servizi di empowerment alle imprese:

    • Incontro domanda/offerta di lavoro;
    • Servizi di preselezione;
    • Inserimento e segnalazione annunci di ricerca su sistema;
    • Consulenza giuslavoristica;
    • Sportello attivo opportunità (bandi, avvisi pubblici) per le PMI: assistenza alla formulazione della domanda e alla rendicontazione;
    • Servizi del Centro per l’impiego incluso nella struttura: attivazione stage, tirocini; preselezione, pratiche amministrative, gestione progetti speciali;
    • Servizi di avvio allo startup di impresa e informazioni sugli incentivi alla creazione di impresa;
    • Organizzazione di:
      • Recruitment Day, dedicato alla singola azienda;
      • Career Day, dedicato alla relazione fra più imprese e candidati;
      • Testimonial Day, case history di successo presentati da professionisti, docenti, imprenditori e manager.

    Per avviare e gestire la trasformazione nei territori del Lazio è necessario dotarsi di:

    • Infrastrutture di comunicazione;
    • Forte connettività;
    • Personale con conoscenze e competenze tecniche di altissimo livello;
    • Servizi e strumenti per accedere ai mercati internazionali;
    • Laboratori, officine, luoghi di sperimentazione dotati di attrezzature e tecnologie – fablab  (settori: biotech, farmaceutico, agroalimentare, meccatronica, nanotecnologie, neuroscienze, ecc.).

    E’ necessario inoltre:

    • Ospitare e coltivare startup e altri attori dell'innovazione;
    • Organizzare la "collaborazione" (modello contamination lab);
    • Organizzare l'"intelligenza collettiva" e il crowdsourcing.

    In particolare, la strategia predisposta per sviluppare nel Lazio un ecosistema favorevole all’incubazione/accelerazione di startup sarà articolata nelle seguenti azioni:

    • Predisposizione di un unico programma di incubazione/accelerazione ("format") da attuarsi in modo integrato nelle varie sedi territoriali di BIC Lazio, anche in rapporto con gli incubatori degli enti locali;
    • Creazione di un gruppo di lavoro con forti competenze professionali, stabilmente dedicato all'attuazione del programma;
    • Attuazione di iniziative per attrarre nell'ecosistema attori rilevanti per il suo successo, tra i quali, in particolare, potenziali investitori e imprese di medie e grandi dimensioni;
    • Definizione e attuazione di un programma di marketing e comunicazione dell'ecosistema, da attuarsi anche nell'ambito della comunicazione istituzionale della Regione;
    • Definizione di programmi per la collaborazione tra imprese pilastro e startup innovative;
    • Definizione del modello organizzativo (make or buy) e conseguente "certificazione";
    • Definizione del ruolo regionale (regista, gestore, franchisor) in funzione delle peculiarità territoriali.

    Al fine di rafforzare l'ecosistema, si prevede di realizzare le seguenti azioni all’interno delle strutture dedicate alla preincubazione/incubazione di imprese presenti nei luoghi Spazio Attivo:

    • Stringere forti alleanze e costituire un canale strutturale con gli organismi di ricerca e le Università del territorio, dove nascono la maggior parte dei talenti, delle idee e dei team che generano startup e spinoff;
    • Favorire il trasferimento tecnologico;
    • Attivare partenariati pubblico-privati;
    • Agire in collaborazione e in sinergia con gli Enti Locali per supportare la progettualità delle imprese del territorio e degli stessi Enti Locali;
    • Promuovere la costituzione di reti di impresa;
    • Agire in linea con la "smart specialisation” regionale;
    • Creare impresa dal basso, analizzando e dando risposta ai bisogni reali delle startup;
    • Agire come volano di innovazione sociale;
    • Formare un team stabile di mentor/coach di qualità;
    • Offrire accesso privilegiato ad un ampio network di contatti (networked incubator);
    • Stipulare alleanze con le grandi imprese;
    • Introdurre nuovi servizi e strumenti per le startup (post incubazione/accelerazione, seedfinancing, startup financing attraverso venture capital, business angel, piattaforme di crowdfunding, programmi di "adozione"), prevedendo anche la possibilità di raggruppamenti di imprese startup per il miglioramento della competitività delle PMI sui mercati internazionali;
    • Stipulare accordi con attori internazionali (partner tecnologici, commerciali, incubatori e acceleratori privati, ecc.).

    AC07 SpazioAttivo exp

  • Fonti di finanziamento
    BILANCIO REGIONALE, POR FESR 2014-2020
  • Stato di realizzazione
    In corso di realizzazione